nutrizione Archivi - Dimagrire con Piacere

stop-agli-zuccheri-1280x1147.jpg

8 Ottobre 2020

Limitare l’assunzione di zucchero è un obiettivo personale ma anche mondiale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha tra i suoi obiettivi la riduzione  dell’assunzione di zucchero a livello globale.

L’aumento del peso corporeo è infatti associato ad un aumento del consumo di zuccheri soprattutto sotto forma di bevande zuccherate.

Tra i problemi che un consumo eccessivo di zuccheri può causare ci sono:

  • Obesità.
  • Problemi cardiaci.
  • Diabete.
  • Mal di testa.
  • Diabete.
  • Danni ai denti.
  • Carenza di cromo.
  • interferenze con il sistema immunitario.

I benefici che derivano dall’eliminare o ridurre lo zucchero

1 – Miglioramento della salute cardiaca

Il consumo eccessivo di zucchero può provocare problemi di salute come l’ipertensione e l’aritmia. Ridurre gli zuccheri contribuisce a salvaguardare la salute vascolare e aiuta ad evitare la malnutrizione.

2 – Miglioramento dell’umore

Dormire a sufficienza è determinante per preservare il buon umore ed evitare l’invecchiamento prematuro. Ridurre il consumo di zucchero vi aiuterà in termini di qualità del sonno e recupero delle energie.

3 – Minor rischio di sviluppare il diabete

Bevendo una bibita zuccherata, il rischio di soffrire di diabete aumenta di circa il 25%. Le bibite dietetiche prive di zuccheri non aiutano ad evitare il problema perché contengono altri tipi di dolcificanti e di sostanze chimiche dannose per la salute.

4 – Maggiore concentrazione e memoria

Dimenticare spesso le cose e riscontrare una certa difficoltà nel concentrarsi possono essere episodi legati all’eccessivo consumo di zucchero. Lo zucchero altera le abilità cognitive e danneggia la capacità del cervello. Praticare regolare esercizio fisico aiuta a bruciare le energie che apporta lo zucchero e il vostro cervello sarà pronto per funzionare correttamente. In poco tempo la memoria migliorerà.

Adriana Forapani


Vuoi alcuni consigli per regolarizzare l’apporto calorico dei tuoi pasti? Contattami senza impegno e richiedi una prima consulenza!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.


merenda-a-scuola-1280x853.jpg

10 Settembre 2020

Merendina o trancio di pizza possono essere consumati ma una volta la settimana perchè per la merenda dei nostri ragazzi è importante cambiare ogni giorno

Con il suono della prima campanella alle porte, i genitori hanno naturalmente dubbi su come si svolgeranno le giornate a scuole dei nostri ragazzi data la particolare situazione legata alla pandemia da Covid-19. Tra gli aspetti organizzativi da prendere in considerazione, però, come ogni anno, anche la giusta scelta alimentare per il break deve essere correttamente valutata.

La merenda, infatti, deve essere sana e non ripetitiva.

La merenda corretta

Per ogni giorno di scuola ci dovrebbero essere altrettante merende diverse. Indipendentemente che si tratti di un alimento leggero o di una merendina, la ripetitività dovrebbe essere evitata. Non esiste infatti un alimento perfetto, anche una mela mangiata tutti i giorni potrebbe non andare bene.

Se si può, sarebbe bene preparare in casa torte e crostate, più sane e genuine.
Frutta, yogurt, torte alle frutta o un piccolo panino: più si varia l’alimentazione più compensiamo gli “errori” e le carenze nutritive che in ogni tipo di pasto o di cibo ci possono essere.

La giusta quantità

La quantità rappresenta spesso un problema e le porzioni da consumare a metà mattina tendono ad essere spesso esagerate. Per orientarsi al meglio basta tenere presente che le merendine di solito contengono tutte tra le 90 e le 100 calorie. Per ragazzi dai 7 anni in su questo è valore nutrizionale corretto.

E da bere?

Ovviamente le bevande gasate e zuccherate non sono la scelta giusta. Al tè, anche se deteinato, e ai succhi di frutta è meglio preferire semplicemente dell’acqua.

Adriana Forapani


Hai a cuore l’alimentazione dei tuoi ragazzi e desideri consigli personalizzati? Contattami senza impegno e richiedi una prima consulenza!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.


19-pasta-integrale-cereali-integrali-alimentazione-sana.jpg

17 Maggio 2018

I cereali integrali sono alimenti ricchi di vitamine e minerali. Contengono 5 volte di fibra in più rispetto ai cereali raffinati. L’integrale è l’antiossidante per eccellenza, ricco di acidi grassi essenziali.

I cereali integrali in chicco, non trasformati, sono una preziosa fonte di fibra e micronutrienti, come antiossidanti, vitamine, minerali. Sono inoltre una buona fonte di acidi grassi polinsaturi. Infatti, quando gli strati esterni di questi alimenti vengono rimossi e i chicchi sono raffinati, ciò che resta è solo amido e proteine.

L’assunzione di cereali integrali può contribuire al raggiungimento e al mantenimento di un peso adeguato. Le persone che consumano cereali integrali, nell’ambito di una dieta bilanciata, hanno meno probabilità di aumentare di peso nel corso del tempo.

Scegliere alimenti a base di cereali integrali porta solo vantaggi, al contrario di quelli raffinati che nel medio e lungo termine: da lievi malesseri quotidiani a vere e proprie malattie nel corso degli anni.

Adriana Forapani


Non aspettare ancora!
Se hai dei dubbi e vuoi consigli specifici per te contattami senza impegno!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.
 

18_Gli-alimenti-che-accellerano-metabolismo.jpg

3 Maggio 2018

Lo sapevate che ci sono degli alimenti che possono accelerare il metabolismo?
Non sono scorciatoie che ci garantiscono di perdere peso rapidamente da un giorno all’altro, ma sono cibi utili nella nostra dieta di tutti i giorni.

Di seguito trovate solo alcuni degli alimenti che consiglio, per approfondire l’argomento guarda anche il video!

Il pompelmo è un frutto che fa benissimo in quanto contiene molta vitamina c e diminuisce il livello del colesterolo e dei trigliceridi.

L’alga Kombu, ricca di Iodio, stimola il buon funzionamento della tiroide e quindi.

L’alga Wakame contiene moltissimo calcio.

I broccoli hanno una funzione depurativa e sono ricchi di vitamina C, A e K. L’aceto di mele brucia i grassi, così come il peperoncino

Il peperoncino ha un’azione positiva sul nostro metabolismo e sulla circolazione del sangue viene attribuita al suo contenuto di capsaicina, un composto chimico in grado di svolgere un’azione stimolante sia sui processi metabolici che circolatori.

Mangiare peperoncini piccanti aumenterebbe la nostra spinta metabolica del 25% per un periodo che può prolungarsi fino a tre ore. Se da una parte il metabolismo subisce un’accelerazione, dall’altra lo stimolo della fame si riduce ed il senso di sazietà perdurerà più a lungo.

Da non sottovalutare lo zenzero, la senape, la quinoa, le spezie, il pepe…sono tutti alimenti ai quali dobbiamo dare maggiore attenzione durante la nostra dieta!

L’assunzione di cibi ricchi di omega3 si rivela fondamentale nel ristabilire il corretto ritmo del metabolismo in quanto questi acidi grassi essenziali riducono la produzione di un ormone chiamato leptina, che sarebbe in grado di contribuire al rallentamento del metabolismo. Tra gli alimenti da scegliere per aumentare l’apporto di omega3 nella dieta vi sono olio di lino, semi di lino, semi di zucca, semi di girasole, noci e anacardi.

Adriana Forapani


Vuoi un consiglio specifico sul tuo metabolismo?
Contattami senza impegno e richiedi una prima consulenza!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.

17-pranzo-ufficio-lavoro-dieta-dimarire-con-piacere-mantova-ostiglia.jpg

3 Maggio 2018

Ogni giorno pranzi in ufficio e hai paura che questo sia un problema per la tua decisione di iniziare una dieta e smaltire i chili accumulati? Effettivamente la vita frenetica ti spinge a mangiare ad orari irregolari e a non preoccuparti troppo di quello che metti in tavola.

Spesso l’ufficio diventa il nemico numero uno della dieta. Dal mangiucchiare davanti al computer, ai pranzi saltati per colpa di lunghe riunioni, fino alla colazione che non fai mai, perché la mattina preferisci svegliarti all’ultimo minuto.

A seconda del lavoro non si ha proprio il tempo per elaborare un pranzo corretto ed equilibrato dal punto di vista nutrizionale.

Per gli impiegati che svolgono orario continuato o per chi svolge turni la cosa migliore è quella di portare in ufficio dei contenitori con frutta, verdura già pronta per essere mangiata, un pezzo di pane e cibi facilmente digeribili.

Un’ altra soluzione, non ci crederete mai, ma può essere un panino. L’importante che abbia all’interno verdura, tonno o bresaola. Attenzione però che con il panino il rischio è quello di mangiare velocemente!

È importante ritagliarsi comunque, nonostante i tempi stretti del pranzo in ufficio, il “giusto tempo” per mangiare, ovvero non meno di 20 minuti, perché masticare in fretta rende più difficile la digestione e perché la sazietà è anche una sensazione psicologica che il cervello deve avere il tempo di elaborare.

Adriana Forapani


Vuoi un consiglio specifico sui tuoi pranzi fuori casa?
Contattami senza impegno e richiedi una prima consulenza!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.

6-Intolleranze-obesita-attenti-alle-fake-news-01.jpg

16 Gennaio 2018

Troppo spesso si legge di legami in realtà mai provati scientificamente tra presunte allergie alimentari e chili di troppo. Pubblicità ingannevoli, informazioni false, diete pericolose: fate attenzione a non cadere nella trappola di chi non vi dice come stanno le cose solo per vendervi qualcosa

C’è un legame diretto tra allergie o intolleranze alimentari e il grasso in eccesso? No. La risposta non è scontata ed è bene ribadirla in questi periodi di diete fai da te che possono provocare più danni che benefici.

Mi capita infatti sempre più spesso di vedere pubblicità in cui test diagnostici di intolleranze alimentari o allergie sono presentati come la risposta che non c’era al problema dei chili di troppo dei quali non capiamo l’origine. Allo stesso tempo alcuni test elettrodermici, l’iridiologia e altri “test bufala”, come sono stati definiti dalla comunità scientifica, si trovano facilmente in vendita con le loro luccicanti promesse anche in alcune farmacie o parafarmacie.

Eppure a oggi non esiste alcuna correlazione scientificamente provata tra allergie alimentari, vere o presunte, e l’aumento di peso. Già un anno fa si sono espresse su questo tema anche le associazioni e le società scientifiche di Diabetologia e nutrizione per contrastare il pericoloso aumento di diete alla moda completamente prive di fondamento. Una tendenza spesso cavalcata in modo furbo anche da supermercati e aziende alimentari per spingere prodotti “senza glutine”, “senza lattosio”, “senza zucchero”.

Con la salute, però, non si scherza.

Dare informazioni sbagliate o incomplete, associare l’aumento del peso a una specifica allergia o suggerire il consumo di un particolare tipo di alimenti come soluzione unica ai chili di troppo non è solo scorretto, ma può diventare pericoloso. Per combattere l’eccesso ponderale e perdere peso è necessario agire su più fronti.

Un’alimentazione corretta ed equilibrata è un primo passo importante, altrettanto fondamentale è adottare uno stile di vita non sedentario. Se vuoi scoprire altri consigli preziosi clicca qui.

Ecco che vi suggerisco di affidarvi a esperti dell’alimentazione per creare un percorso personalizzato, graduale e ragionato è l’unico modo per riuscire a perdere chili in eccesso e mantenersi in forma nel tempo, evitando stress emotivi e fisici di diete illusorie prive di fondamento scientifico.


Non aspettare ancora!
Se hai dei dubbi e vuoi consigli specifici per te contattami senza impegno!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.

4-grassi-nella-dieta-nutrizionista-mantova-adriana-forapani.png

21 Dicembre 2017

Sfatiamo un falso mito: non tutti i grassi fanno male. Ci sono lipidi che in giuste quantità possono far parte della nostra dieta. Sono i grassi vegetali, a cui possiamo dire di sì senza paura di pancia gonfia o rimorsi

Sì, avete letto bene. Per perdere peso non occorre eliminare i grassi dalla nostra alimentazione. Dirò di più: introdurre nella nostra dieta quelli giusti ci aiuterà a migliorare la salute e a perdere peso in modo equilibrato. Troppo spesso in passato per combattere sovrappeso e obesità si è consigliato il ricorso a diete ipolipidiche (povere di grassi) come unica soluzione. Non è così! Dati alla mano, le diete senza grassi hanno forse ridotto i numeri dell’obesità nel mondo? La risposta è NO.

Ciò che fa la differenza tra una buona alimentazione e una dieta inutile o addirittura è sempre la qualità del cibo che scegliamo. Esistono grassi sani e grassi cattivi, i loro effetti sono molto diversi.

La dieta mediterranea e i grassi buoni

La dieta mediterranea include grassi sani nell’olio extravergine d’oliva, nella frutta a guscio e nel pesce. A parità di calorie, ad esempio, l’olio extravergine d’oliva e il burro sono due grassi con effetti molto diversi per le arterie. Per questo non dobbiamo demonizzare i lipidi in quanto tale, ma solo quelli che hanno effetti negativi, imparando a non privarci di quelli giusti nelle quantità corrette.

Non è una novità, ma spesso ce lo si dimentica o si fa confusione. A fare un po’ di chiarezza è arrivata anche una ricerca condotta in Spagna per sette anni su 7.500 persone con età tra i 55 e gli 80 anni. I risultati pubblicati sulla rivista The Lancet (qui trovate il sito web) mostrano che assumere quantità controllate di grassi vegetali permette di ingrassare di meno rispetto a seguire diete ipolipidiche.

Mangiare meglio è più importante che mangiare meno

E’ proprio questo il concetto che a volte rischiamo di dimenticarci. Davanti alla bilancia che ci sottolinea la necessità di perdere peso preferiamo spesso attuare soluzioni drastiche ma miopi. Eliminando i grassi in generale pensiamo di risolvere il problema. In realtà, stiamo facendo due errori. Il primo: se eliminiamo i grassi, quasi certamente aumenteremo qualcos’altro, magari i carboidrati e non sempre in modo corretto. Il secondo: se eliminando i grassi completamente perderemo peso velocemente, non guadagneremo in salute e nel tempo faremo fatica a mantenere i risultati raggiunti.

Riduzione del peso e buona salute richiedono invece di eliminare o portare al minimo il consumo dei grassi cattivi che troviamo nei cibi spazzatura, nei dolci, nelle carni lavorate o nel burro. Per questo dico sempre a chi vuole dimagrire di concentrarsi non tanto o non solo sul calo delle calorie, ma sulla qualità degli alimenti da cui derivano.


Non aspettare ancora!
Se hai dei dubbi e vuoi consigli specifici per te contattami senza impegno!


Dottoressa Adriana Forapani nutrizionista e diabetologa

Sono Adriana Forapani, dietologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione e malattie metaboliche.

Ho diversi anni di esperienza e una ferma convinzione: è possibile dimagrire con piacere!
La dieta, infatti, non deve essere necessariamente un sacrificio, qualcosa da affrontare con paura, tensione o negatività.
Individuare e seguire un regime alimentare adatto al proprio corpo e al proprio stato fisiologico significa correggere le abitudini e gli stili di vita scorretti, aprendo la porta al proprio benessere fisico e psicologico.
Mi potete trovare a Mantova e Ostiglia per iniziare e continuare un percorso specifico seguendo i vostri bisogni e le vostre esigenze.


Dimagrire con piacere P.iva 00481260206 ©
2020 All Rights Reserved designed by Yucca Design

Privacy Policy

CONTATTI

Corso Vittorio Emanuele 7 - 46100 Mantova
Telefono: 339.1164611

Hesperia – Palazzo Alpi Mantova
Telefono: 0376.220931

Ostiglia e Guidizzolo
Telefono: 339.1164611

Email: adriana.forapani@libero.it

Newsletter